Le mie “poesie”

Solo chiacchiere…

Parole al vento…

parole cattive, dette solo per far male

per insinuare dubbi, per mettere in cattiva luce

propinate gratuitamente con sottile malignità

e sparse proprio dove si pensa facciano più danni

da persone insospettabili, non proprio del volgo…

per la posizione, per il carisma, per l’educazione

che dovrebbero avere o possedere

ma che invece latita, come acqua nel deserto…

e gli orecchi che ascoltano sono collegati, alle volte, coi cervelli

che assimilano, assorbono, elaborano

e traggono conclusioni, in autonomia

e giudicano…

come un boomerang le subdole tornano al mittente

con gli interessi

e si scopre la fonte astiosa

la provocatrice d’intrighi

la seminatrice di zizzania

con fini sconosciuti, tranne forse che a lei

poverina… non sa, non immagina…

quanto forte sia l’amore che ci lega

quanto profondi siano il rispetto e la fiducia che ci nutrono

quanto grandi diventano le nostre bocche, ridendo

ma anche…

quanto ci dispiaccia sapere che lei è sola

quanto c’intristisce la sua pochezza

quanto vorremmo che si desse pace

pensando, se le riesce,

ai fatti propri

se ne ha…

—————————

bb 11/10/09

————————–

Volare

I nostri occhi si rincorrono

trovandosi, anche al buio

Irresistibili si cercano le labbra

dolcemente, senza fretta

Non una parola, adesso inutile

spazio al vulcano d’emozioni

Le mani tremano, senza toccare

solo sfiorano le beltà tue

Il cuore gonfio

pare esplodere

Mi sento come una farfalla

ubriaca nel vento folle

Sarà questo il morire?

no, è solo… il volare!

———————–

bb 26/08/09

———————–

Avanti

Quando le parole non bastano

e ci lasciano insoddisfatti,

timorosi di non aver capito,

fondiamo i nostri sguardi

in un unico abbraccio,

con una carezza.

D’improvviso…

esploderà il sole!

———————-

bb 23/08/09

———————-

Buoni sapori

La gioia di riscoprire situazioni, sensazioni ed emozioni, come…

ridere con sincerità fino alle lacrime

arrossire per un complimento innocente

ammirare la bellezza della vita in uno sguardo

bearsi del contemporaneo, pensando al futuro

nutrirsi avidamente di parole dette col cuore

accettare l’attesa, con convinzione

bramare una carezza come fosse il miglior amplesso

sognare un bacio, consapevole del suo valore

vivere sulla stessa lunghezza d’onda

Tutto ciò… è straordinariamente gratificante!

————————-

bb 16/08/09

————————-

La fine… o il principio?

Sei tornata, e non vedevo l’ora…

Ma meno di uno sguardo è bastato a farti incupire

Sto sognando… forse il treno deve ancora arrivare

No, è tutto vero… sei tu, qui, con loro ma non con me…

Pochi giorni, le solite conferme, rafforzate, in te

Per 10 mesi ho sperato, lottato, amato

In 10 minuti, come una bomba, tutto raso al suolo…

Ti andava bene e ne eri pure fiera di

essere orgogliosa, permalosa, indipendente

feroce e implacabile nei giudizi, sicura di te, egocentrica

mostrarti sempre perfetta

Te ne fregavi se io

rimanevo basito di alcune situazioni

ti chiedevo di smussare qualche angolo

volevo tu mi considerassi importante

desideravo essere il tuo punto di riferimento

ambivo a maggiori attenzioni

bramavo lo stare insieme, da soli

Chiunque, dei tuoi parenti, o amici

aveva un gran peso

una loro parola valeva almeno cento delle mie…

Ma io dovevo fare, dire, accettare

indipendentemente da tutto, e il prima possibile

Ti ho amata tantissimo, forse troppo

sempre posta avanti a ogni cosa

eletta a mia unica Regina

a leader incontrastata della mia vita

Credevi fossi ebbro di te

a tal punto da alienare il mio io…

Sbagliavi!

E ora ognuno raccoglie i propri cocci

e tira le somme con la sua coscienza

Si… tutto raso al suolo, cancellato!

Non riesco nemmeno a ricordare i bei momenti…

Il tuo scappare da me senza lottare

ribadendo la solita storia, la tua esclusiva storia

Il tuo inventare parole e frasi

talmente false che stonavano, quando le dicevi

Ma forse non aspettavi altro, per andartene

il pretesto l’avevi trovato, e al momento giusto

Eri bella, troppo bella

e io cretino a dirtelo sempre

Eri dolce, troppo dolce

e io cretino a crederlo davvero

Ma la bomba ha svegliato il cretino…

Con la stessa velocità

inizio/fine

Rimane solo la parentesi, dolorosa, fastidiosa…

Perché la vita in due è tutt’altra cosa

Io lo voglio scoprire, perché so amare

a te invece non riesce, e non lo scoprirai mai…

Non ti auguro niente…

neppure buona fortuna

Finalmente puoi goderti la tua autonomia

il tuo essere padrona di te stessa

Mi piace però crederti intenta

a leccarti le ferite, che sono molte…

le mie sono già rimarginate.

———————————————————————-

bb 10/07/09

———————————————————————-

Distacco…

Aspettando, al treno, che se ne vada,

portandoti lontano…

Non ce la faccio, ti saluto con anticipo,

e filo via…

Per una settimana, o poco più,

ma è la prima volta…

Abituato allo stare insieme

già la casa mi sembra vuota

e brutta, scolorita, anonima…

ed io di nuovo solo.

Dentro la macchina, nel tornare,

solo Teresina, e buon per me che parla,

e mi indica la via…

Come un automa, obbedisco,

ma il cervello è altrove,

già si chiede dove sei, cosa fai, come stai…

e pure a me fa le stesse domande.

Brutta giornata, oggi, e sono pure di festa,

ma nulla ho per gioire…

Giusto tu sia andata,

per te stessa, per il piccolo, per gli altri…

E’ l’occasione per dimostrare che in amore non conta solo il cuore,

ma forse credevo fosse più semplice…

Voglio provare a credere quel che sento dire:

che “un piccolo sacrificio val bene una grande gioia”,

seppur solo vostra…

E voglio cominciare a sorridere,

proprio pensando ai momenti che t’aspettano,

insieme ai tuoi cari…

Già stamani ho ricacciato l’emozione

all’ultimo bacio…

Continuerò a resistere,

pensando al ritorno…

Ti amo, piccola mia!

—————————————————-

bb 08.06.09

—————————————————-

Il sogno continua…

Titolo improprio, all’apparenza

ma la ragione impone prudenza

Facile sarebbe dimenticare

adesso che vivo solo per amare

Il cuore però la fa da padrone

e di accantonar l’idea impone

Stupendo pensare solo a te, stella lucente

che subito hai conquistato la mia mente

Ogni attimo trascorso insieme

fa si che nulla mi trattiene

Libero, do sfogo alle emozioni

e poco a poco levo il giogo alle tentazioni

Quando siamo guancia a guancia

niente può e nulla intralcia

Devo solo sperare e credere

che il mio cuor non stia per esplodere

Ogni volta che guardo il tuo volto raggiante

m’inonda un brivido esaltante

Quando t’accarezzo delicato

penso non esista altro nel creato

E le labbra si studiano titubanti

e giocano a lungo, tremanti

Instancabili si rincorrono assetate

e, alla fine, sorridono, estasiate

Rifuggono dallo star ferme anche solo un istante

l’immobilizzo per loro sarebbe frustrante

Ma poi dobbiamo farle riposare

e continuiamo col parlare

E’ bello pure quello, e a tutte l’ore

parlare si, ma d’amore!

Adesso posso dire, con grande beltà

che non di sogno si tratta

ma di stupenda realtà!

bb_29/10/08

———————————————-

A Enrico

La vita… il tutto

Gioie e lacrime

Sole e buio

Godimento e tribolazioni…

Un’alternanza spossante d’emozioni

che non concede tregua, mai

Superato un ostacolo

crediamo sia l’ultimo

e invece, appena rialzata la testa

puntuale eccone un altro

ancora più ostico…

Nessuna scelta davanti a noi

dobbiamo solo combattere l’ennesima battaglia

e vincerla, inventando nuove strategie

anche se…

la mente vacilla

la volontà latita

le forze scarseggiano

Tutto sembra remare contro

ma il nostro cilindro non ci può tradire

deve partorire un nuovo miracolo

L’antica grinta deve riaffiorare

e tornare ad essere la linfa vitale

per il nostro cervello.

——————————–

bb 20.10.08

——————————–

L’oggi

Angoli che si smussano

Nuvole che si diradano

Occhi che s’infiammano

Respiri che recitano poesie

Carezze che esprimono mille parole

Gesti intrisi di dolcezza

Un filo di voce per dirsi tutto

Sembra un sogno

di quelli che non possono durare

Ma io ci credo

e lotterò, se necessario,

affinché questa fiamma non si spenga mai

Non mi sento più solo

ed è la mia forza.

bb 23/09/08

—————————————————-

Un segno

Un segno x dirti cosa sei… x me

Come l’aria che respiro

Come l’acqua che bevo

… indispensabile!

 

Un segno x dirti chi sei… x me

La stella più luminosa

La donna più bella

L’essere più desiderabile

 

Un segno x dirti cosa vorrei vedere sempre…

il tuo sorriso raggiante

i tuoi occhi sprizzare gioia infinita

il tuo cuore palpitare d’amore

 

Un segno x augurarti…

Che la salute ti arrida

Che i tuoi sogni si realizzino

Che finalmente sia arrivato il re buono

 

Un segno x parlarti…

D’amore

Di serenità

Di futuro

Di vita!

Bb set’08

———————————————–

Contraddizioni

M’hanno sempre chiamato nonno

che mi faceva sentir grande

ma vorrei regalar la mia saggezza

per giocare con te, con l’innocenza dei bambini

Adoro le mie mani forti

che tanti lavori hanno fatto

ma delicate le desidererei

per accarezzare i tuoi capelli color del sole

Amo l’inverno

che tanta serenità mi dona

ma vorrei veder spuntare oceani di fiori

per donarteli tremante

Potente, da sempre, la mia voce profonda

che troppi bambini ha fatto piangere

ma adesso più dolce l’ambirei

per sussurrarti parole dal cuore

Ho versato sangue per scrivere pagine di storia

che la vita m’ha suggerito

ma una pietra sopra ci metterei

per viverne altre, insieme a te

Ho paura del mio dire

che sempre pensa al domani

ma urlerei con gioia i miei pensieri

per farti partecipe del mio essere ora

Temo gli anni che ci separano

e che zavorrano il mio impeto

ma li cancellerei in un battito d’ali

per provare a conquistarti

Adoro nuotare nei tuoi occhi

e carpire ogni emozione

ma vorrei non tu vedessi i miei

per non tradire quello che non oso esternare

Mai donna ho toccato

che non fosse fidanzata o moglie

ma da domani  si che lo farei

per riempirti di baci e abbracci

Sempre così sono stato

e mai nella vita ho sterzato

ma forse è giunta l’ora di cambiare

per provare ad amare

bb 12/08/08

————————————————–

Donna

dal sorriso pronto ma la lacrima in agguato

dal cuore grande ma dalle sferzate affaticato

dalla bocca tappata da implacabili menzogne

perché tanto dai… ma piovono solo rogne

regali rose e ricevi spine

alla cattiveria non v’è mai fine

sei dolce ma sopporti i disprezzi

ti pieghi ma non ti spezzi

certo non raccogli quanto aspetti

ma la resa non fa parte dei progetti

tieni duro a testa alta, che lo sai pure fare

sei forte, anche se non traspare

persevera nel tuo cammino

anche se ti devi muovere pian pianino

la bellezza interiore, che tanta ne hai,

è l’arma vincente, e tu lo sai.

bb 23.04.2008

———————————————————

A Gigi
A te, vecchio mio, che tanto fai
in barba a tutti i tuoi guai
Sempre una parola da amico
e qui grazie io ti dico
Vorrei imparare davveroad uscir dal mio maniero

Seguire i tuoi consigli dovrei

ma come fare non saprei

Prezioso sempre è il tuo dire

e più spesso lo vorrei sentire

Quanto aiuto che mi dai

tanto da non crederlo sai

Ringrazio la fortuna che ho avuto

d’averti quel giorno conosciuto

Un peccato sarebbe stato

se ciò non si fosse verificato

Un anno e mezzo è ormai passato

ma in un attimo, m’è sembrato

Tanti auguri ti voglio fare

per il giorno che va ad iniziare

Buon compleanno, caro amico

fai un bel pranzo assai condito

Non eccedere col bere

e non ti crucciar sulle primavere

Pensa anche al BB

che ti urla… AUGURI GIGI tutto il dì

bb_08.03.2008

———————————————————-

Passato/presente/futuro

Stanze vuote di colori

intrise di dolori e odori

frantumano il cervello

Voci che si confondono

brusio che inquieta

urla che martellano

Fermo, immobile

alla mercé dell’attesa

in balìa del silenzio del male

Occhi che vagano

cercando il tutto, trovando il nulla

cuore che pulsa

rumore di battiti, unica compagnia

il cervello resiste

in simbiosi colle luci

quando è l’ora del buio

rispetta il silenzio

e aspetta il domani

che non sia uguale a oggi

che si apra uno spiraglio

che appaia una fiammella

E quella figura col camice

amico/nemico

arriva all’improvviso

preceduto solo

dal mormorio degli accoliti

Ti guarda e già lo temi

ogni parola stride

speri sia illuminato

stavolta si… ce la farà

Smetterai di piangere aria

perché lacrime non hai

esaurite fra i lamenti

già pregnanti di sangue

di tanto tempo fa

Già… questo è l’ennesimo round

di uno strano incontro

un ring, il mio, senza regole

senza giudice, senza giuria

Solo lei…

così egoista, così severa,

così presente, così instancabile…

Ci gode…

come un sadico con la sua cavia

come un gatto col topo

Ma sono stanco, troppo stanco

e non si diverte più

forse m’abbandonerà… irritata

Riacquisterò il sorriso

risentirò gli odori e i sapori

vedrò di nuovo i colori

Vivrò, finalmente…

senza il cordone ombelicale

che fin da piccolo

mi teneva incatenato

Addio, insalutata compagna

ti chiamano sofferenza

non sentirò la tua mancanza.

bb_04.03.08

————————————————————

Come il mio cuore

di bigbruno

Grande

Sono venuto per dare e ho ricevuto

Sono venuto per suggerire,

e mi sono abbeverato della tua saggezza

Pensavo di trovare un debole e ho scoperto un blocco di granito

Credevo di essere forte e mi sono sentito debole

Se fossi stato triste mi sarei ricreduto

Sono disponibile al sorriso ma tu di più

Gli anziani insegnano, sempre, basta saper imparare

Prendiamo atto dell’ignoranza che ci pervade

e memorizziamo quanto ci dicono

Non partiamo con la solita supponenza,

ma ascoltiamo attenti quel che dicono

In due minuti ci ridicolizzano, non volendo

La loro saggezza è allarmante, a confronto della nostra,

spesso inesistente

Ti hanno tagliato un pezzo di gamba, e tant’è

Ma la testa ti è rimasta, e ben piantata sul collo

E il cervello stride da quanto lo fai lavorare

Come i freni di una macchina messa a dura prova

Ma reagisce ancora alle tue domande, al tuo amore,

alla tua voglia di non cedere, mai

Grande, non ho altre parole

Peccato non averti conosciuto quando eri in piena forma,

e anch’io

Ti ascolto cercando avidamente di capire il più possibile,

ma tu sei troppo in alto

Hai una capacità di espressione che ti ruberei

Hai un cuore che batte potente, anche dopo mille traversìe

Sai cosa vuol dire la fame, e noi non lo sappiamo

Sai cosa vuol dire la povertà, e noi non lo sappiamo

Sai cosa vuol dire lottare, e troppi di noi non lo sanno

Sei sincero, e quanti dovrebbero esserlo

Sei generoso, e troppi non lo sono

Sei grande.

——————————————-

A chi

A chi è solo e è consapevole della sua solitudine

A chi non piange perché non ha più lacrime

A chi non ride perché non ne vede il motivo

A chi non festeggia una ricorrenza

perché un giorno vale l’altro

A chi non sa più vedere l’arcobaleno a colori

A chi non vede più il cielo azzurro

perché c’è sempre la nebbia

A chi non canta perché non ha più voce

A chi non ascolta un pianto perché non ha più cuore

A chi non prende la mano a chi la tende

perché ognuno per sé e Dio per tutti

Dico

Da soli la strada è troppo lunga e noiosa

Piangere aiuta ad accettare gli ostacoli

Ridere distoglie dai dolori

I giorni devono essere tutti diversi

L’arcobaleno è bello solo a colori

e i colori sono il bello della vita

La nebbia è momentanea

e poi deve tornare l’azzurro del cielo

Se proprio non vuoi cantare almeno parla, che tiene svegli

Il pianto lo devi ascoltare, e farlo smettere, con dolcezza

Se ti tendono la mano, accoglila nella tua

Non costa nulla

Camminare in compagnia

Guardare il sole negli occhi di una donna

Sentire il calore in un sorriso

Apprezzare il vento nei capelli

Gioire al freddo di un’alba

Riflettere alla serenità di un tramonto

Bere le lacrime di un amico ricambiandole con un abbraccio

Stringere una mano scambiandosi emozioni

Fallo, ti sentirai meno solo, e, soprattutto, vivo.

——————————————-

Così piccoli

Pensiamo di essere chissà che

Ci ergiamo una spanna ancor più su

Guardiamo tutto e tutti con indifferenza

Anche con supponenza, con arroganza

I problemi non ci toccano

Gli altri… poverini

Fino a quando

Qualcosa gira al contrario

Guarda caso… tocca a noi, stavolta

Non è possibile, non ci credo

Perché a me?

Ma è così , ed è bene farsene una ragione

Ed ecco che il mondo si tinge di nero

Colore finora sconosciuto

O solo nella penna /

magari per scrivere cattiverie

ma, se la scampiamo,

tutto il male non viene per nuocere

forse ne trarremo giovamento

almeno nel cuore e nell’anima…

macché!

Tutto inutile

L’ho sfangata, è stata solo una parentesi accidentale

Immeritata

Ma la dea bendata stavolta ha visto bene

Mi ha graziato…

Ed ecco che il fato si accanisce su un altro individuo

Perché non può esistere sosta alcuna

Ma è …un altro, non mi interessa.

Il mio turno ormai è passato

Torno alla vita mondana

Alle feste, alle puttanate, al superfluo, all’inutile assoluto

È bene che siano gli altri a pensare alle pene, ai dolori,

alle traversìe, alla sfortuna…

——————————————-

Donna

Gioia e dolore. E’ vero.

Se ce l’hai, non l’apprezzi come dovresti,

vedi qualche pregio e molti difetti.

Quello che fa è normale, sempre.

Se esce dagli schemi ti insospettisci, o peggio.

Se ride, quasi disturba.

Se piange, decisamente ti indispone.

Se parla va bene, ma che duri poco. Se non lo fa, meglio.

Se prende iniziative deve sentire il tuo parere.

Se non le prende, sei tranquillo.

Se è bella sei geloso.

Se non è bella, ma solo carina, vai sicuro, quasi sempre.

Quando fai l’amore, spesso sembra per dovere.

Stella cometa senza desiderio.

Sole senza calore.

Se non ce l’hai, la elevi all’infinito, col pensiero, e rifletti…

Occhi che illuminano.

Bocca che racconta.

Sorriso che contagia.

Cuore che riscalda.

Seno che conforta.

Fianchi che fanno sognare.

Gambe che inebriano.

Simbolo d‘amore.

La stella va fatta brillare.

Il sole va rifornito di energia vitale.

Magari avessi una donna…

Per vivere in due

Per ridere in due

Per piangere in due

Per amarsi, per guardarsi negli occhi, per tenersi per mano…

La lode del “se” ha la vita corta,

E troppe volte conduce il timone della nostra vita.

——————————————-

E se…

Tu riflettessi su…

gli occhi di un bambino

una stella nel buio del cielo

una fronda che trema al vento

un tramonto incantato

un’aurora pungente

una lacrima che nasce e scorre via

una ruga che nasconde la vita

una parola non detta

uno sguardo che ti esplora

una smorfia di dolore

Tu imparassi…

ad assaporare tutte le sfumature della vita

ad abbeverarti della saggezza altrui

ad ascoltare chiunque

a far tesoro delle notizie che assimili

ad accettare gli ostacoli della vita

a concedere senza chiedere nulla in cambio

a comprendere prima di giudicare

ad esaltare l’essere e ridimensionare l’apparire

a vedere chi ti sta intorno senza il trucco

a parlare e non urlare

Tu pensassi…

a come sei

a cosa sei

a chi hai

a chi potresti essere

a cosa potresti essere

a chi potresti avere

…se solo tu dessi un po’

di spazio al tuo cuore.

——————————————-

Felicità

Concetto soggettivo, senza alcun dubbio

Sempre e solo punti di vista

Condizionati dal nostro essere

Dal nostro raziocinio

Dal nostro cuore

Dalla nostra anima

Dal nostro umore

Dal tempo che fa

Dalla fortuna che abbiamo avuto

Da dove siamo nati

Da dove viviamo

Dalle persone che ci circondano

Nonostante tutto…

Siamo noi i muratori della casa felicità

Siamo noi ad arredare le stanze

Siamo noi a riscaldarla

Siamo noi a difenderla

Siamo noi ad abbellirla

Siamo noi a farla durare a lungo

Se qualche evento si accanisce

O lo ha già fatto…

Su le maniche!

Rifondiamo

Ricostruiamo

Come e meglio di prima

Altrimenti…

Tutto crolla

E noi col tutto

… ed è la fine!

——————————————

La morte

Imparziale

Insensibile

Impalpabile

Inimmaginabile

Improvvisa

Imprescindibile

Sei come la paura

Arrivi tutta insieme

Non avverti, tronchi, tarpi, annichilisci

Come la paura nessuna ti aspetta

Si crede tu non esista, fino allo scontro

Come sempre, ma adesso conta,

Chi non vede stenta a capire

Come struzzi ci nascondiamo

Come bambini ti beffeggiamo

Come uomini ti sottovalutiamo

Ma non siamo supereroi

Anche se facciamo di tutto per convincerci

Tu vinci sempre, per ko o per sfinimento

Godi più o meno ma godi

Magari tu fossi una puttana

Anche d’alto bordo, ma a comando

Ma i soldi non sono tutto

E tu implacabile come nessuno

Deridi tutti

Cascasse il mondo tu resisti

E noi, nonostante tutto,

non ti consideriamo neppure

Non sei delusa?

Onnipotente all’infinito

Al cospetto del nulla umano

Sei meno di zero

Viviamo talmente poco e male

Quasi sempre per colpa nostra

Che quando arrivi…

Non ci fai neanche un baffo

Tanto… chi muore non ci pensa più

E chi rimane ha altro da pensare…

—————————————–

Nasseriya

La vita.

L’esistenza.

La morte.

Che scorrere, mai certo, sconcerto, sempre.

Morire. Quando, perché.

Fai, costruisci, erigi, rompi, distruggi, per cosa.

Mai chiedere. Non chiedere. La risposta può far male, tanto.

Io, figlio, padre, povero, ricco, chi sono, cosa sono.

Come sto, quando vivo, per cosa vivo.

Credo, non credo, perché… faccio, obbedisco, sempre… o quasi.

Assorbo quello che posso, elargisco quanto posso. Normalmente.

Sensazioni belle, brutte, definite, indefinite.

Penso. Questo è il dramma. Non dovremmo, ma dobbiamo, per restare vivi.

Vivi, ma per cosa.

24 ore al giorno, ti chiedi, ti imponi, rifletti, obbedisci.

I tuoi superiori, nel piccolo e nel grande. I superiori.

Vai, fai, e… torna.

Ma se non torni… è uguale, certo.

La differenza è che sei un eroe, per tutti.

Quasi per tutti, forse per coloro che ti devono considerare tale, perché è comodo, per

tamponare le parole di disprezzo, di costernazione, di debolezza, di umana considerazione.

Ma i tuoi, quelli che contano, per loro, semplicemente, non ci sei più.

Forse anche un eroe, ma non ci sei più. Solamente… ti ricorderanno.

Meglio un figlio “normale” vivo che un “eroe” morto.

Della pecora forse non apprezzi nulla, ti limiti a vederla, nella sua semplicità,

nella sua modestia, nella sua limitatezza.

Del leone lodi la criniera, la forza, la fierezza… che fu.

Per me padre, si, è vero.

Per me uomo, no.

Ho lottato, e lotto per vivere, ma per cosa.

Voi avete vissuto e lottato per noi, per loro, per tutti.

Avete dato un senso alla Vostra esistenza, breve, troppo breve, ma intensa, troppo intensa.

Potessi mi cambierei con uno di Voi, che certo avrebbe da dare in misura grande.

E invece io sono qui e Voi in una bara, magari bella, di noce, preziosa, ma distesi,

senza un alito di vita. Morti. Senza appello.

Meglio soli, in un viale coperto di foglie fradice, e col vento che ti sferza il viso, ma vivi,

che esanimi, accompagnati nel fatidico viaggio da migliaia di persone,

magari con un bel sole…

Non lo so. L’incertezza mi pervade. Però a me il vento e il freddo piacciono…

e poi, non sono un eroe, non lo ero, e non lo sarò mai.

E le lacrime rubano spazio al raziocinio, fino ad esaurirsi, fino allo sfinimento,

fino al dolore, che ti avvinghia il cervello, e ti fa capire tante cose

che prima non prendevi neppure in considerazione.

Siete morti per un’azione selvaggia e sconsiderata, consapevoli del rischio, e forti nel viverlo.

Ora i forti devono essere quelli che restano. Non è facile, ma è più facile.

Per qualche giorno resterete eroi, poi forse neanche storia.

Per quella ci vogliono i grandi numeri.

Nel cuore degli umili forse un po’ di più.

Per adesso le lacrime, anche le mie.

Se è vero che esiste un altro mondo, etereo, costruito apposta per le disgrazie,

allora Vi auguro di passare l’eternità con quella serenità che di sicuro non avete avuto finora.

——————————————-

Musica

Da ragazzo, come tutti, era un’illusione.

Le parole delle canzoni, ma solo di alcune, erano le mie.

Era facile appropriarsi delle idee altrui costruendoci sopra castelli di carta,

cullando i sogni e le speranze giovanili.

Poi è diventata un riempitivo dei rari momenti vuoti,

ascoltata ma non capita.

Rumori che neanche distraevano.

In due, o tre, è una compagna docile, che non chiede mai.

Da solo diventa crudele, interroga ad ogni nota, ti scava dentro,

costringendoti a pensare, e rispondere a 1000 quesiti che non ti sei mai posto.

Odiavo quella inglese, che non ho mai capito.

Meglio la nostra, magari dei cantautori.

Mi identificavo con loro, godendo delle parole,

e quasi non considerando gli strumenti.

Più belle le parole, come sempre pane quotidiano nella mia vita.

Ora che le soppeso, ma mai come meritano, ancor di più.

Mi immergo nei pensieri degli autori.

Alterno felicità a tristezza e malinconia.

Come mai l’uomo si crogiola più nel negativo

che non nelle cose belle che gli capitano?

Forse perché la proporzione è ingenerosa.

Forse perché il male ti dà di più.

Spunti facili di commiserazione, e la comprensione di tutti,

almeno nella fase iniziale.

Poi tutto sfuma, ma resti comunque solo col tuo compagno/nemico

che cerchi di combattere, convivendovi tuo malgrado.

Poi una canzone che neanche conosci, ma che ti sferza il viso,

magari con dolcezza.

E pensi ancora a quello che eri, che sei, che potresti essere.

E spengi lo stereo, con calma o con rabbia.

Lo riaccenderai, quando avrai riacquistato la tranquillità,

e il tuo io sarà nuovamente scevro dai soliti macigni che lo zavorrano.

Una musica rilassante, senza sussulti.

Magari con qualche rullo di tamburi ogni tanto, per mantenersi vivi, e vigili,

nello scorrere del tempo.

Quanto darei per ascoltarla assieme a te. Forse più di quanto possa credere.

Senza senso, non lo merito, ma con tanto amore,

con gli occhi che dolgono nel cercarsi.

Col cervello che scoppia nelle tante emozioni che lo coinvolgono.

Col sangue che ribolle di sensazioni da troppo tempo non provate.

Ma nel rispetto della tua persona, di una donna che non esiste,

almeno per me.

E restano pensieri, solo pensieri.

——————————————

Notte

Quando gli occhi ti bruciano dal vagare nel buio

in una notte insonne trascorsa a pensare

Quando le mani cercano un qualcuno che non c’è

e il cuore batte per inerzia

Quando il cervello va in fuori giri

dal turbinio caotico dei pensieri

così distanti, incoerenti,

solidi come il fumo di una pipa

pericolosi come la cima d’un baratro

Inventi storie incredibili per non pensare al tic tac della sveglia

e contare le pecore non ti aiuta

e ascolti i rumori che non ci sono

fino a sentire solo il tuo respiro

e non ti muovi per ascoltarlo meglio

Non accendi la luce per paura di vedere il nulla

e i muri della stanza ti soffocano

avvicinandosi sempre più

E ti pensi sdraiato sotto un faggio centenario

sull’erba madida della prima rugiada

finalmente in compagnia

dei profumi quasi dimenticati

dei suoni che credevi smarriti

delle stelle che ti abbracciano

della brezza che ti accarezza

E vedi, alle prime luci,

un cervo che maestoso chiama la sua femmina

e assisti al sacro rituale del corteggiamento,

e due scoiattoli che lottano con una noce

e un picchio che finalmente ti desta col suo battere incessante

E’ l’ora di alzarsi…

e ti organizzi

in attesa di un altro sogno.

——————————————

Perché?

Parlo sincero e ascolto ipocrisia

Sono limpido e incontro malignità

Vivo modestamente e mi si ostenta il superfluo

Non lecco ma inciampo nella saliva altrui

Non posso correre, ma devo sforzarmi di farlo, per resistere

Guardo con amore e raccolgo indifferenza

Penso agli altri, ma gli altri non pensano a nessuno, se non a loro stessi

Aborro l’apparire, ma la fa da padrone

Amo l’essere, ma è sempre meno importante

Credo nella saggezza, ma che è?

Capisco gli sfortunati, ma che ci stanno a fare?

Come una fronda in balia del vento

Così noi nel mondo

Un piccolo, insignificante, bruscolo nell’universo

Che ci sia o non ci sia

Può disturbare qualcuno, per qualche momento

Poi tutto passa

E ci dimentichiamo dei problemi altrui

Con la velocità della luce

Sono solo i nostri, di problemi, che veramente contano

Ma quanto siamo piccoli?

Come facciamo a non capire?

Quale ottusità attanaglia la nostra mente?

Ci chiedono aiuto, e latitiamo

Lo chiediamo, pretendendolo

Muore un uomo, ci rattristiamo per un attimo

Muore il nostro cane non troviamo pace

Gli altri sono malati, chissenefrega!

Conta solo la mia, di salute…

Tanti muoiono di fame, che fare?

Io ho il frigo che trabocca…

Ci sono tanti barboni, che mondo ingiusto!

Io prendo 1000 euro al mese, ne vorrei il doppio…

Perché un essere normale può pensare queste cose?

Perché quando sta bene lui va bene così.

Per il resto ci sono i giornali, e la politica, e la tv

Diamo la colpa a loro, che è facile

Ma la sera, prima di addormentarsi, proviamo a pensare, se ci riusciamo

Qualcosa non va?

Perché?

——————————————-

Piccolo uomo

Non so se sia fortuna o iella

ma hai visto la luce

in questo mondo a tinte cupe.

I tuoi, finora, hanno scansato spesso la dea bendata,

ma tu li aiuterai a riconsiderare il mondo.

Gente onesta, semplice, capace di tanto,

di dare più che di ricevere.

Paiono ingenui, e forse talvolta lo sono, ma di sicuro schietti,

trasparenti come l’acqua di fonte,

abituati a sopportare le angherie del vivere,

ma felici nel godere il bene che si vogliono.

Non sono più ragazzi e, in un sussulto di amore,

ti hanno generato, convinti e consapevoli del miracolo che andavano creando.

E così è stato, e si vede.

Pronti a cullarti e proteggerti,

fin d’ora rappresenti il faro per il marinaio nella nebbia,

lo spiraglio di luce nelle tenebre di una grotta.

Con te si risveglieranno le emozioni del vivere quotidiano,

imporrai nuove scosse irridendo la monotonia, e ritmi finora sconosciuti.

Un augurio a te, piccolo uomo,

che tu possa diventare degno figlio di tali genitori,

tenendo fede a quanto ti verrà insegnato,

ma non dimenticare,

l’importante è la stima in sé stessi e in chi ti sta intorno,

professando onestà e modestia.

Voglio sperare, per il tuo bene, che il cuoricino dentro di te

sia un clone di quello di babbo e mamma.

Per il giorno che ti aspetta a breve

aspettati confusione, complimenti a iosa, risate e tante,tante parole,

ma non ci badare, è normale, non saremmo umani.

Tu pensa solo a puppare, per ora, e crescere sano e forte.

Avrai tempo per imparare a dimenarti in questo pazzo mondo,

e con l’aiuto della tua buona stella saprai riconoscere il giusto e lo sbagliato,

il bello e il brutto, il bianco e il nero,

ma dammi retta

tieni un angolo del tuo cuore disposto ad accettare anche il grigio.

Che tu possa diventare umile, tollerante e generoso come tuo padre

e gentile, educato e disponibile come tua madre.

Nonostante tutto sono straordinari

e il loro pupo non potrà certo essere da meno.

——————————————

Rinchiuso

In queste quattro mura

ma anche fuori, in verità,

come una tigre relegata in gabbia,

ma tranquillo, non rabbioso.

Consapevole della situazione,

avrei tanto bisogno d’affetto

ma non ne cerco,

forse per paura o per pigrizia.

Ho tanto detto…

ma di più avrei da dire.

Sull’onda della riflessione,

memore degli errori commessi,

prodigo nell’elargire la mia esperienza

anche se modesta, innocente,

scevra dagli eccessi ormai ricorrenti.

L’amore, qualora vi fosse,

bisogna coltivarlo nel quotidiano,

anche se fra il dire e il fare…

Non credevo, ma mi manca…

L’amore!

Non so neppure cosa sia, in effetti,

da quel che dicono è stupendo,

e vorrei, per una volta,

provare l’ebbrezza del perdere la ragione,

anche solo per un momento!

Ma ormai forse è tardi,

non pretendo nulla,

anche perché chi non fa non falla,

e quindi ok, rimango consapevole

di questa mia mancanza, ma tant’è,

esiste, ed io non posso fare altro che

tamponarla.

Nell’attesa del risveglio…

e dello schiudersi di nuove porte.

——————————————

La solitudine

Chi ha un gatto, chi un cane

Chi un amico, chi un parente

Chi solo tu, crudele, incorruttibile, altera compagna.

Chi non ti conosce difetta

Chi cammina al tuo fianco ha già un piede nella fossa

Ci sei, si sente, eccome!

Non ci sei…chi sei?

Impalpabile eterea figura

Per molto tempo sconosciuta

Purtroppo adesso ombra mia

Ti amo perché sei l’ultimo baluardo

Ti odio pensando ai ricordi che furono

Perché ti ho incontrato nel mio girovagare?

Traguardo dei miei fallimenti

Cosa ho perso per trovare te?

Hai vinto l’ultima delle battaglie

Sei diventata la mia regina

Ed io il tuo lacchè

Tu che vivi delle mie lacrime

Tu che godi del mio patire

Tu che ridi nel mio cuore infranto

Tu che rodi ad ogni mio sussulto

Tu che castri le mie pulsioni

Tu che polverizzi l’intelletto

Tu che inibisci i sogni e smorzi ogni impeto vitale

Fammi almeno credere in una possibilità

Permettimi l’ardire di poter cambiare,

se non invertire, la rotta

Dammi la forza di spezzare la catena dell’àncora

e dai vigorìa ai colori della speranza

il tempo non ti costa e quindi aspetta,

ancora non sono pronto

per vivere solo con te.

Voglio riprovare le emozioni per uno sguardo,

i fremiti per una carezza,

l’imbarazzo per una parola.

Voglio dimenticarti, a te non ho fatto neppure la promessa

Di eterno amore, nel bene e nel male…

——————————————-

Solo

E’ una parola

Null’altro

Ma perbacco quant’è pesante

Solo è …

chi non s’accontenta mai

chi cerca di aiutare gli altri

chi ha i soldi ma non gli bastano mai

chi non li ha e lo deridono

chi non ha cuore

chi lo ha ma non lo fa vedere

chi ha una donna ma non la considera

chi non ce l’ha

chi si espone in prima linea

chi non ha il coraggio di farlo

chi è bello, ma fine a sé stesso

chi è brutto e non azzarda mai

chi ha un amico ma è lontano

chi ha una figlia ma non con sé

chi parla italiano ormai non capito

chi è fortunato ma inutilmente

chi è iellato per colpe non proprie

Solo.

Gira che ti rigira

tutti ci sentiamo soli

ma a torto.

Molti non lo sono ma non se ne rendono conto

Se lo fossero, eccome, se sentirebbero la differenza

Ma basta poco, ai Soli Veri,

per non sentirsi tali

una parola, un pensiero, un cenno

ed ecco che rinascono di luce propria

ma che si riflette intorno

illuminando questo mondo di fosche tinte

con un nulla, facendo credere ai Soli Finti

che è meglio che smettano con le loro teorie

e che si godano le realtà che hanno…

Nonostante tutto

Meglio soli Veri, consapevoli,

che in compagnia, ma veramente Soli!

——————————————

Sussulto

Ti ho visto quella sera

Inaspettata, uscivi dalla macchina

Tutta in ghingheri

Eri stupenda

Bei vestiti su di un corpo niente male

Accidenti…

Da anni non provavo quella sensazione

Mi pareva esser tornato ragazzo

Quando timido guardavo le forme

Che tanto mi inquietavano i sensi

Ma, allora, non sapevo che fare

Neanche le avessi viste nude a un palmo dal naso

Ed ora

Che forse qualcosa ho imparato

Mi manca il coraggio di azzardare un invito

Sconfitto in battaglie passate /

E forse anche nella guerra

Perché faccio così?

Per quale oscuro motivo il blocco permane?

Farò bene…farò male…

Ok, non lo faccio!

Perdio, uomo, mischiati alla calca

Non lo hai mai fatto

Ma forse è l’ora

Normalizzati, uniformandoti allo standard comune

Accantona reconditi preconcetti o paure ancestrali

Togli la sella e cavalca a pelo

Forse troverai quel pascolo paradisiaco

Che tanto vai bramando

Metti in un cassetto il big

Almeno in questa occasione.

——————————————

Tristezza

Incompresa compagna di tanti amici in gioventù

Fedele amica dal giorno maledetto

Amore odio si intersecano nel nostro quieto vivere

accomunati dall’implacabile scorrere del tempo

Parliamo confrontandoci ma la spunti sempre

Lotto e mi dibatto, ma vacillo senza sosta

Sei l’alter ego della donna che fu

Mi guardo intorno e ti vedo spavalda

Sembri invincibile, dinanzi a me

Nulla, per ora, sembra farti paura

ma bada, bestia immonda,

sono saturo di te

la tua presenza mi infastidisce e mi soffoca,

mi ha frenato per troppi anni ormai,

e come Don Chisciotte contro i mulini a vento,

consapevole della mia pazzia

ti dichiaro guerra!

Senza remore, e scevro da ogni pregiudizio,

ti ripudio, disconoscendoti.

Anche se zoppicando, voglio camminare da solo.

——————————————-

Budrio

La casa della tristezza, dell’angoscia,

della speranza, della nuova realtà,

ma anche della definitiva sconfitta

o della rinascita, seppur suffragata da artifizi tecnici.

Esseri deformi,

per genetica o per altro,

tanti amputati di braccia, di gambe, di tutto, di più.

Qualcuno per tristi scherzi della natura,

oppure per scelleratezze in gravidanza.

Di tutte le età,

poco sollievo che i piccoli siano la minoranza…

Uomini, troppi, donne, meno, ma tante.

Ho visto…

bambini innocenti guardare ilari le loro forme strane,

bambini innocenti che neanche sapevano di esistere,

persone prive di tutto, fuorché del tronco,

ragazzi e ragazze bellissimi e pronti al tutto dalla vita,

menomate pesantemente e che nulla avranno dalla vita…

Decine sono i tecnici che lavorano costruendo arti artificiali a ritmo infernale;

qualcuno, sempre di meno, si cala nell’umano,

nell’aiutarci a stare seduti, o in piedi,

o a reimparare a camminare.

Quasi ventimila protesi l’anno, secondo le ultime stime,

significa oltre cinquanta al giorno, domeniche comprese.

Realtà nascosta, la nostra.

Dove stanno tutti?

Rintanati come belve pericolose,

relegati nelle retrovie,

impauriti dalle differenze.

Una società, la nostra,

del solo aspetto, del bello.

Viva l’Italia, o Sparta, chiamatela come volete.

Ma invece di un solo dirupo

abbiamo strade, piazze, ponti, stazioni…

Io, per come la vedo nel mio intimo,

sono perché sono,

e non perché appaio.

Sono perché ho un cervello,

un’anima, un cuore,

delle sensazioni, delle emozioni…

e non, come tanti, perché hanno gli occhi celesti,

le spalle larghe, e sono atletici ed estremamente prestanti.

La differenza è che loro, i belli, i novelli narcisi,

hanno solo, e badate bene, solo… fortuna!

E’ questo che fa la vera differenza, la fortuna.

Chi ce l’ha, ma non la considera neppure,

e chi non ce l’ha, e si vede benissimo, basta guardarlo,

e guardarsi.

Ma basta un niente, perché tutto cambi,

e il tutto, per molti, è troppo pesante.

Inaspettato, pare intollerante.

Ma non temano, i futuri sfortunati…

non si muore, cambia solo… la vita.

Siamo obbligati a…

rifondare i muri portanti del nostro io,

reinventare gli interessi e le amicizie,

adattarsi ad un nuovo lavoro, se fortunati,

imparare ad accantonare l’orgoglio, e ad abbassare sempre la testa,

tacere quando mai l’avremmo fatto…

Bisogna solo…abituarsi alla nuova realtà.

Auguro a tutti di provarlo,

certo non dal vivo,

ma in un bel sogno, e che duri tutta la notte,

e che al risveglio rimanga la paura di come potrebbe essere,

e non dire… era solo un incubo, e scrollare le spalle,

e continuare ad andare in culo al mondo.

Dobbiamo ricordare sempre che la dea bendata

non si ferma mai a lungo in un posto solo!

——————————————

Libertà

Fatemi tutto

ma permettetemi di pensare

Lasciatemi almeno la possibilità

di credere nelle mie convinzioni

e non imbrigliate il mustang

che mi conduce nella prateria sconfinata

Levatemi la patente

ma concedetemi di poter viaggiare con la mente

Anche senza carburante

mi sposterò ugualmente

La sorte mi ha tarpato le ali

ma chiudo gli occhi

e scendo ad ogni stazione

Ogni luogo non ha segreti

in un niente sono a levante come a ponente

All’unisono scruto New York, Londra e Pechino

Non ho bisogno della crociera

per vedere il blu del mare

o del volo last minute

per ammirare il verde dell’Irlanda

Come un’aquila che, sfrontata,

lancia la sua sfida dall’alto del cielo

pronta a carpire la preda

Così io, reso arido dal fato,

urlo, in silenzio, il mio esserci

E la mia voce, benché incruenta,

arriva all’osso prima che alla carne

E fa pensare…

—————————————–

Il vero tesoro

Sensazione unica…

Darsi senza pretendere dazio

ricevere senza dover rendere

Scattare come per un figlio, l’uno x l’altro

Le porte di casa sempre aperte

Quando parliamo… non ci sono segreti

se tacciamo… bastano gli occhi

L’umore… si intuisce, sempre

Le difficoltà… sono un poco più leggere

Il dolore… si divide, e ti cedo la mia forza

Il piacere… si raddoppia, e ne godiamo assieme

La tua fortuna mi riempie di gioia

Il tuo star male mi intristisce

E quando…

converso con la tua donna, ed è normale

tengo in braccio tuo figlio, e ne gioisci

mangio alla tua mensa, ed hai più appetito

bevi un bicchiere in più, e ne sei felice

ridi di gusto, e io con te

le ore insieme passano veloci, e non ci fai caso

siamo distanti, ma uniti, anche solo da un filo

Ma è sufficiente pensarci…

che eccoci lì, a fumare accanto l’un l’altro

e dire cazzate a iosa

e tornare seri in un niente, in simbiosi

quando ci salutiamo… a malincuore.

Che fortuna averti come Amico!

——————————————-

Mamma

Hai iniziato a tribolare fin dalla mia nascita

E’ stato un crescendo di bordate pesanti

Intervallate da momenti abbastanza tranquilli

Hai fatto sempre la tua parte, con onesta serenità

Con picchi di gratuita severità, che non meritavo,

e che non ti si addiceva

A onor del vero ti ha stressato di più il babbo

Altero, irrequieto, supponente, a volte anche prepotente

Ma senza mai alzare un dito,

anche se la lingua fa male più degli schiaffi

E tu, impassibile, paziente, assorbivi tutto e lo fai ancora

Anche se ora è diverso, anche lui

Buffo…

Quando potevate darvi e darmi tanto,

il piede era sul freno, inamovibile

Ora, che le primavere sono già considerevoli

E si affacciano pericolosi effetti collaterali

Il fiume della vostra vita scorre lento, ma ancora forte

E parlate, parliamo, ma mai abbastanza, come tutti

Mi spiace, e tanto, di avervi abbreviato l’esistenza

Quel giorno malefico vi è costato anni

Il giorno dopo era già visibile, il cambiamento

Così com’è stato per i nonni…

Per loro ancora peggio, perché già carichi di acciacchi

Nell’arco di 6 anni, da autonomi…

Sono finiti rigidi, in orizzontale, alla mercè del nulla

O al cospetto del tutto…

Sai quanto c’ho pensato, mamma?

Tantissimo, e talvolta mi pare un incubo…

Ma non riesco a sentirmi responsabile

E’ una colpa che disconosco, e tu più di altri lo sai

Il rammarico, certo, quello è rimasto

Ma tuo figlio non ha mai avuto un buon rapporto con la dea bendata

E nel tuo cuore conti le cicatrici

Che io ho altrove

Però resisti, ancora, e grazie a me, anche

Che tante volte ti rimprovero di lamentarti troppo

O di non accontentarti di quanto hai, di come sei, di come siamo

Comunque sia… sei stata, e lo sei tuttora, forte

Davvero.

——————————————

Francesca

Ti abbiamo davvero voluto

e fu strano…

perché pensavamo a quanto potevamo innescare

e fu un atto d’amore diverso da quello consueto

Tua madre lo avvertì subito che eri in viaggio

e ti ha custodito per 9 mesi

colmi di giuste attenzioni e scansando i pericoli

Sei venuta alla luce senza problemi

solo la mamma era un po’ malconcia

ma dopo aver pianto insieme, già stava un poco meglio

Sei stata da subito un piccolo demonio

ma sei venuta bene, nonostante

…l’incidente al babbo

…i tuoi genitori si siano separati

…la nuova vita solo con la mamma

ed eri piccolina, ma sei cresciuta in fretta

E poi

…la passione per il canto

…la prima delusione a scuola

Ma dopo, finalmente,

la tua vita ha cominciato a scorrere serena

e piena di gioia

ed ora hai raggiunto il primo traguardo

veramente importante

che non erano i diciott’anni, ma quel pezzo di carta

che presto stringerai fra le mani

e che ti è costato tanta fatica

ma ti ha premiata, forse non come speravi

ma l’ha fatto, in barba anche ai pochi detrattori

Ed ora rilassati, preparandoti a nuovi futuri obiettivi

Ti auguro, figlia mia

di mietere tanti altri successi

ma di non perdere mai

la modestia

la sensibilità

la generosità

la luce negli occhi

che hai sempre avuto.

Sei, fin dalla nascita,

quanto di più bello abbia mai avuto.

Un bacio, babbo.

—————————————–

Statistiche

15 risposte a Le mie “poesie”

  1. nanà53 ha detto:

    Posso rubarti un paio di poesie per il mio blog di libero, mettendo naturalmente il tuo nome e link?
    giò

  2. bruno60 ha detto:

    Certo che si, Giò! Per me sarà una grande soddisfazione. Non vedo l’ora che tu lo faccia… Bacio grande, bb.

  3. Francy ha detto:

    L’ultima poesia è, chiaramente, la più bella!!!!….
    Babbino mio, hai mai pensato di fare il poeta???
    Ti voglio bene….tanto tanto…
    Bacini dalla tua Francy.

  4. bigbruno ha detto:

    @francy:🙂 lo immaginavo, che la poesia dedicata alla mia baby fosse la tua preferita!!! Spero che tu abbia letto anche le altre… bacio infinito, bb.

  5. karlotta ha detto:

    Ciao Bruno,
    non mi conosci;ed io non conoscevo te,son capitata qui in questo tuo blog per caso,ed ho incontrato la tua storia,la tua poesia… i tuoi giorni.Mi sono imbattuta nei tuoi pensieri e nel tuo cuore … bello! Grazie,perciò che sei e per quel che dai,per il tuo coraggio e la tua semplicità,per la serenità e la tua sincerità … volevo dirtelo… e tanto altro vorrei ancora dirti e chissà un giorno …ripasserò e di nuovo mi fermerò! Ciao,sii sempre te stesso ed orgoglioso di quel che sei…ciaooo

  6. Tenerella1 ha detto:

    Ciao Bruno e complimenti per il tuo blog. Le poesie, le immagini i pensieri da te scelti riescono a trasmettere parte di te. Continua così la semplicità e la spontaneità sono delle grandi ricchezze.

  7. bigbruno ha detto:

    @karlotta: mamma mia, che sviolinata, cara signora! Grazie a te x avermi detto così tante straordinarie parole… Se torni… ne sarò molto felice! Un cordiale saluto, bb.

    @tenerella1: sono estremamente lieto di ciò che hai scritto, e continuerò nel mio cammino, nonostante tutto. un salutone anche a te, con la speranza di rileggerti. ciao, bb.

  8. Riyueren ha detto:

    Però,Big!Lo vedi che quando ti lasci andare…e allora,buttati,che aspetti?Ah,mi sa che andrà a finire come da me,che ho dovuto fare io la corte a quel povero cristo e baciarlo a tradimento,nonostante le proteste”mia madre ha messo l’aglio nel minestrone”…”chi se ne frega,ci sono le stelle cadenti,ne ho vista una,e questo è il desiderio”(già,eravamo nell’agosto agosto 1979.Siamo insieme da allora,magari con alti e bassi,ma questo è normale,con 20 anni di differenza).
    Speriamo che lei sia pestifera quanto me…
    Un abbraccio.

  9. bigbruno ha detto:

    @susannina: in pelle… direi che la tua ipotesi è giusta😉 con la storia dell’aglio m’hai fatto sorridere, anche se x me non sarebbe assolutamente un problema😛 e x il “pestifera”… mi da l’idea che lo sia… eccome! abbraccio galattico tutto x te, amica mia. bb 8)

  10. ely ha detto:

    che belle le tue poesie trasmettono grandi emozioni..:)complimenti

  11. bigbruno ha detto:

    @ely: sapessi che piacere m’ha fatto leggere le parole “trasmettono grandi emozioni”! non ne hai idea… è quanto di più bello ci possa essere x uno che, come me, cerca di mettere su carta le proprie sensazioni. grazie e… torna! un salutone, bb.

  12. Anonimo ha detto:

    sono passata di qua,e sono rimasta bloccata tra le belle parole che scrivi,complimenti,

  13. bigbruno ha detto:

    @anonimo: cara amica… grazie della visita! è sempre un piacere vedere nuovi personaggi scrutare questo mio modesto spazio… sono onorato dei tuoi complimenti, e felicissimo tu abbia letto brani che t’hanno in qualche modo emozionato! un salutone e un arrivederci… bb

  14. ANTONELLA ha detto:

    6DAVVERO BRAVO A SCRIVERE POESIE…MA ANKE LE IMMAGINI ,QUI E’ TT BELLISSIMO!COMPLIMENTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. bigbruno ha detto:

    @antonella: sono veramente felice ti siano piaciute! x me è una grande soddisfazione… e ti ringrazio d’averlo testimoniato. aspettandoti presto, ti auguro buon fine settimana, in gioia e serenità. bb

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...